L’ anti-frammentazione

4 Dicembre 2023
Facebook
WhatsApp
LinkedIn
Email

Amici Sportivi,

Oggi vi condivido una riflessione che condurre e proporre Coach di Quartiere mi sta aiutando a sviluppare in modo sempre più concreto e spero presto fruibile dal contesto sportivo di terzo settore.

Negli ultimi anni sono proliferate molte opportunità per il finanziamento e il sostegno di progetti: bandi, avvisi e gare pubbliche, premi e concorsi di fondazioni, eccetera…

Nel vivere dall’interno il contesto, noto come, davanti a nuove opportunità, ogni ente tenda a perseguire la creazione e l’ideazione di una nuova ed esclusiva progettualità.
Se ci fermiamo un attimo a pensare si può immaginare come, statisticamente e matematicamente, sia molto difficile riuscire ad avere la possibilità di realizzare sempre nuovi progetti con una molto stretta frequenza di rigenerazione degli stessi.

A questa prima riflessione aggiungo anche il riscontro che raccolgo quotidianamente dal campo di come sia molto difficile per realtà modeste, con modelli di conduzione associativo/volontaristico, poter sfornare, produrre e condurre con successo nuove progettualità.

Da qui il mio invito a riflettere sulla reale opportunità di valorizzare i progetti che funzionano, favorendo la trasformazione del networking superficiale e di facciata in un CO-working di contatto in cui si lavora insieme al territorio e si migliorano i format progettuali già realizzati e risultati vincenti.

Come dico spesso, amo trasformare direttamente in azioni ciò che penso, in questo modo lo rendo reale. Perseguendo il potenziamento della riduzione della frammentazione progettuale, proponiamo e ne studiamo con chi vuole gli adattamenti e i miglioramenti per la replicazione del format Coach di Quartiere.

Chi volesse rispondere al mio stimolo anche solo per dirmi il suo pensiero o portare il suo contributo alla mia idea di sviluppo sportivo sostenibile, può compilare il form al link:

Potrebbe interessarti anche...

A proposito di Accountability

Per approfondire in modo utile il contenuto dell’area partnership, oggi voglio utilizzare la parola ACCOUNTABILITY. Mi interessa, più che la traduzione letterale

Intenzionalità d’impatto

Le prime volte in cui mi hanno spiegato questo concetto confesso di aver storto il naso. Ci ho pensato per giorni, mi chiedevo come fosse concretamente possibile e fattibile partire dall’agire per l’impatto sociale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Grazie!

A breve riceverai una email di conferma.