Coach di Quartiere tra le Best Practices presentate a Sportcity Meeting

11 Aprile 2023
Facebook
WhatsApp
LinkedIn
Email

L’1 e 2 aprile, al Palazzo dei Congressi di Salsomaggiore Terme (Pr), hanno partecipato alla prima edizione dello “Sportcity Meeting” oltre 100 amministratori di città italiane grandi e piccole, esponenti del Parlamento, massimi dirigenti della governance dello sport italiano, manager di settore e nuovi stakeholders. – Una due giorni intensa di lavori per ribadire l’importanza dello sport nella vita di tutti i giorni.

Un meeting per fare rete

“Questo meeting è stato un punto di partenza importante per costruire una rete che ora avrà il compito di mettere in pratica ciò che è emerso dai due giorni. Noi siamo pronti a farlo e il prossimo anno, nella seconda edizione, porteremo i risultati di ciò che verrà realizzato anche grazie alla Carta di Salsomaggiore firmata dagli amministratori presenti al meeting”, ha dichiarato Fabio Pagliara – Presidente di Fondazione SportCity. (ITALPRESS)

Coach di Quartiere come best practices per le Sportcity

Durante l’evento, anche una tavola rotonda per presentare le best practices per le sporcity, alla quale ha preso parte anche il nostro Claudio Massa, per parlare di Coach di Quartiere e raccontare insieme all’assessore Francesco Milanesi l’esperienza progettuale dell’attività di inclusione sociale attraverso la pratica dello sport all’aria aperta nel Comune di Lodi.

“In principio, credevo che l’obiettivo della mia presenza all’interno del meeting fosse la presentazione di Coach di Quartiere come best practice per le sportcity, in realtà mi sono accorto che è il messaggio contenuto nel progetto ad aver determinato il senso della mia presenza: la voglia di portare, nel suo piccolo, un pezzo di quella rivoluzione dolce nelle città in cui è e sarà attivato” ha affermato Claudio Massa.

“Una delle più belle cose di SportCity è proprio la possibilità di vedere quanto sul territorio nascano delle best practice, mi auguro replicabili in molte parti di Italia. Coach di Quartiere ne è uno straordinario esempio e come Fondazione SportCity lo sposiamo pienamente – ha dichiarato Pagliara.

Un format per i territori

Esattamente in linea con quanto dichiarato dal Presidente Pagliara, confermiamo che il nostro obiettivo è dotare i territori di un format capace di resistere al tempo e di replicarsi ovunque, in grado di realizzare sport e inclusione sociale attraverso il contributo dei giovani e il supporto dei nostri formatori. Siamo alla ricerca di partner che vogliano replicare il format nei loro territori, impiegando risorse umane ed economiche al servizio della collettività.

Sei un rappresentatante della PA interessato al welfare di Comunità?

Porta Coach di Quartiere nella tua città!

Scopri come attivare il progetto nel tuo comune.

Compila il Form

Potrebbe interessarti anche...

Un nuovo inizio da Playmaker (Dalmine)

Sono già passati 3 mesi ormai da quando ho accettato la sfida di Coach di Quartiere: offrire attività sportive all’aria aperta ai bambini. Mesi in cui due giorni a settimana assisto alla rinascita dei parchi come quando ero bambino io.

Il welfare di comunità

Amici sportivi ben ritrovati, in questo editoriale qualche riflessione fresca sull’argomento del welfare dentro cui ci stiamo sempre più addentrando. Per chi

Go to Sport Impact

il percorso di consulenza strategica che accompagna per realizzare il Franchising Sociale di CDQ

Consulenza Step by Step
Meeting di feedback e verifica dei pre-requisiti di attivazione
Diritto di prelazione su licenza territoriale
Opzione Attivalo con un Bando
Opzione Attivalo con il Fundraising
Posti limitati, 4 al mese; in attivazione 1 volta al mese da aprile 2024

La possibilità di sottoscrizione del percorso Go to sport Impact è riservata ai partecipanti al WORKSHOP INFORMATIVO IL FRANCHISING SOCIALE | Coach di Quartiere, la Best Practice di Sport Welfare che massimizza l’impatto sociale.

PROSSIMA DATA

PietraSanta
23 24 marzo | giornata speciale

Grazie!

A breve riceverai una email di conferma.